Una tesi per lo sviluppo cicloturistico del versante Etna nord - Etnabikeland
15429
post-template-default,single,single-post,postid-15429,single-format-standard,theme-bridge,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_right,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Una tesi per lo sviluppo cicloturistico del versante Etna nord

Una tesi per lo sviluppo cicloturistico del versante Etna nord

Tra le iniziative volte al cicloturismo Etneo, Alessia Priolo, laureanda in Scienze e lingue per la comunicazione, sostenitrice Etnabikeland, nell’intento cooperativo di dare voce alla vision e alle idee promosse dalla nostra associazione, ha deciso di avviare una tesi di laurea sulla progettazione per lo sviluppo turistico sportivo del versante Etna nord

Partendo dallo studio dello stato attuale dei comuni di Linguaglossa e Castiglione di Sicilia, ed estendendosi alle rispettive aree rurali ricadenti nel parco dell’Etna, la tesi andrà a definire un modello di potenziamento delle infrastrutture teso a migliorare, dal punto di vista cicloturistico, la capacità ricettiva dei due paesi.

Mettendo insieme servizi già esistenti ed altri servizi eco-compatibili da implementare, mescolando realtà e astrazione, si arriverà alla redazione di una bike map per i cicloturisti che mostrerà, idealmente, il comprensorio cicloturistico Etna nord e i servizi correlati ai seguenti piani:

  • logistico: indicazione dei servizi di trasporto per i cicloturisti che arrivano in aereo, treno, nave, e che necessitano di essere portati nei centri di Linguaglossa e Castiglione;
  • informativo: dove parcheggiare, riparare, noleggiare e comprare la bicicletta;
  • ricettivo: indicazione delle strutture ricettive dotate di parcheggio e officina per i ciclisti;
  • sentieristico: mappatura degli itinerari da fare in MTB (inclusi Family tour e E-bike) con indicazione dei punti di interesse, punti panoramici, fontane, rifugi, officine, e dei dati geografici come lunghezza, dislivello, quantità di sterrato e asfalto;

 

Il capitolo finale conterrà inoltre una breve trattazione sulle best practice di promozione vincente nel panorama italiano ed europeo:

  • le agenzie di progettazione per lo sviluppo turistico sportivo, i bike park e gli esempi del Trentino;
  • il dialogo e la partecipazione delle parti interessate (stakeholders);
  • project management;
  • co-branding: politiche di cooperazione attraverso brand collettivi;
  • piani di comunicazione: locali, nazionali, internazionali;
  • web strategies: social media marketing, co-marketing settoriale per promuovere i servizi;

 

Le conclusioni infine indicheranno i benefici che possono essere previsti per le comunità sportive e per l’economia locale legati alla destagionalizzazione dei servizi turistici derivante dal vantaggio climatico, storico e geografico del nostro territorio.

L’associazione Etnabikeland fornirà ad Alessia tutto il supporto e il sostegno necessari, proponendo un modello di bike park sostenibile per l’area nord dell’Etna, suggerendo gli itinerari più belli che il comprensorio può offrire per il ciclismo di montagna.

Non vediamo l’ora di leggere e condividere i risultati della tesi. In bocca al lupo!

No Comments

Post A Comment